KINMEI

265,00 

Papillon da annodare sartoriale Kinmei – seta giapponese fantasia oro – retro cashmere unito oro

Svuota

Papillon da annodare in seta giapponese oro.

La collezione di papillon Shibusa esprime la voglia di reinterpretare tessuti carichi di storia e tradizione per mezzo di accessori in edizione limitata ad un unico esemplare.

Preziose conoscenze artigianali danno vita a visioni creative di accessori unici ed esclusivi dove pregiate sete giapponesi ricavate da kimono degli anni ’50 e ’60 s’intrecciano alle colorate e luminose nuance di tessuti biellesi simbolo dell’eccellenza del Made in Italy.

 

I papillon Shibusa sono realizzati nella modalità duobleface per creare diverse emozioni anche nella stessa occasione senza dover ricorrere a due prodotti diversi.

Disponibile nelle due varianti selftied / selftied ibrido.

Selftied – Il classico papillon da annodare, utilizzabile esclusivamente snodando e riannodando il fiocco. Il cinturino è munito di due passanti scorrevoli per facilitare la regolazione quanto più precisa della circonferenza del collo.
Il prodotto ideale per i veri amanti del rituale del nodo.

Selftied ibrido – Papillon da annodare munito di ganci apribili. Una valida alternativa per chi desidera l’emozione di un papillon da annodare senza il pensiero di farsi trovare impreparato.
Il prodotto viene inviato già annodato e facilmente utilizzabile come un papillon pretied, ma all’occorrenza utilizzabile come un papillon selftied.

 

Stile: papillon da annodare sartoriale
Modello: selftied / sefltied ibrido
Fantasia fronte: monocromatico
Fantasia retro: unito
Colori fronte: oro
Colore retro: oro scuro
Prodotto 100% hand Made in Italy
Dimensioni: altezza 7 cm. – lunghezza 92 cm. (dimensioni fiocco lunghezza 12 cm – altezza 7 cm)
Regolazione: ganci metallici nichel free made in Italy circonferenza 53 cm

COMPOSIZIONE

Tessuto fronte: 100% seta giapponese rinzu
Tecnica di decorazione: tintura yuzen
Anno: 1960 ca.
Tessuto retro: 100% cashmere 280 gr/m cloth by Lanificio di Pray (Biella)

MANUTENZIONE

 Lavare a mano
  Non asciugare
 Bassa temperatura tra due panni di cotone

STORIA

Il Rinzu (綸子) è un tipo di raso di seta damascata dove i fili vengono tinti e poi tessuti in modo da formare un disegno lucido ripetuto su sfondo opaco, usando la trama di tipo Saia. Si possono usare due tipi diversi di fili di seta per ottenere il disegno finale.
Il tessuto rinzu può poi essere ritinto o dipinto per ottenere altri motivi.
I motivi utilizzati di solito nei tessuti rinzu sono geometrici o floreali; dato che il motivo alla fine non è molto evidente, non determina la stagionalità del capo, cosa che fa invece il motivo che vi viene dipinto.
Il rinzu varia da tessuti leggeri a damaschi pesanti, ed è spesso utilizzato per kimono formali.
É un tessuto spesso utilizzato ad esempio per gli iromuji, o gli uchikake.

Lo Yuzen 友禅 è una tecnica di tintura a riserva, in questa tecnica, il bordo del motivo a rappresentare viene delineato a mano libera con una pasta di riso, contenuta in un cono e una volta asciutta, il suo interno viene dipinto. Il motivo risultante quindi presenta un bordo bianco.
Capace di rappresentare i dettagli più minuti, e di manifestare in pieno le capacità artistiche di chi lo esegue, è forse la tecnica più apprezzata per Kimono e accessori.

Il nome deriva da Yuzensai Miyazaki, un’artista dei ventagli del XVII secolo i cui lavori erano fonte d’ispirazione per Kimono ed altri indumenti. I “cataloghi” dei produttori di kimono presentavano quindi i propri motivi più in voga col nome di “stile Yuzen”.
Alla fine del XVII secolo, la tecnica che oggi chiamiamo Yuzen venne perfezionata, e si impiegava molto spesso per riprodurre lo “stile Yuzen”. In questo modo la tecnica stessa venne a prendere il nome dello stile che rappresentava.
Per l’anno 1692, lo stile Yuzen era già passato di moda, ma non la tecnica che ne prese il nome.
All’inizio del XIX secolo, la tecnica Yuzen venne standardizzata e presentava poca varietà di motivi.
Il design tipico (chiamato akebono-zome) era uno sfondo grigio scuro o marrone, con l’orlo in basso in un colore più chiaro e con motivi stilizzati come fiori, foglie, e simboli classici derivati dalla letteratura e il teatro.
Durante la Restaurazione Meiji, molte influenze occidentali pervasero il Giappone, ed ebbero un impatto anche sulla tecnica Yuzen, che ora incorporava tinte sintetiche, e metodi di produzione che ne permettevano la produzione su grande scala, come il kata-yuzen, chh impiegava stencil.
All’inizio del XX secolo, l’incorporazione di motivi ispirati all’Art Nouveau riporta lo Yuzen in auge.

CONDIZIONI DI VENDITA

I papillon Shibusa sono realizzati con veri pannelli decorativi giapponesi ricavati da kimono vintage usati e realizzati negli anni ’50, ’60 e ’70, per tale motivo potrebbero presentare delle imperfezioni e segni del tempo. Tali imperfezioni non sono da considerarsi un difetto ma sono sinonimo di unicità e autenticità.

La creazione viene inserita in una confezione esclusiva ideale per mantenere l’articolo protetto, già  pronta per essere usata come confezione regalo.

Il colore può variare a causa delle differenze nelle regolazioni del monitor.
Il prodotto essendo realizzato con tecniche artigianali, potrebbe subire qualche lieve variazione rispetto alle misure riportate nella descrizione.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “KINMEI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…